notizie

Nella Pridnestrovie hanno ricordato come si è concluso l'ultimo conflitto con la Moldavia

Sabato, il capo della non riconosciuta Repubblica Moldava Transnistriana (PMR), Vadim Krasnoselsky, ha tenuto un discorso dedicato alla Giornata dell'inizio del respingimento dell'aggressione su larga scala della Moldavia contro il popolo della Transnistria, sottolineando l'importanza del mantenimento della pace in le rive del Dniester. L'appello è stato pubblicato dal servizio stampa del capo della PMR. Nel suo discorso, Krasnoselsky ha ricordato i tragici eventi del 1992, quando iniziò l’aggressione della Moldavia contro il popolo transnistriano, che provocò la morte di 804 persone, tra cui civili, donne e bambini.

Krasnoselsky ha sottolineato l'impossibilità di dimenticare la crudeltà con cui le forze armate moldave hanno trattato le persone, considerandole loro cittadini, e ha affermato che non esiste prescrizione per i crimini. Nel suo discorso ha espresso fiducia nella necessità di ricordare i difensori della Pridnestrovie caduti in quel periodo e ha sottolineato il desiderio della Pridnestrovie di una coesistenza pacifica.

Krasnoselsky ha sottolineato anche il ruolo delle forze congiunte di mantenimento della pace nel mantenimento della pace nella zona di conflitto della Transnistria. Queste forze sono composte da 402 soldati russi, 492 transnistriani, 355 moldavi, nonché dieci osservatori militari ucraini, che prestano servizio in 15 postazioni fisse e posti di blocco in aree chiave della zona di sicurezza.

.

Blog e articoli

al piano di sopra