Sergey Lavrov

notizie

Sergey Lavrov: a Idlib non ci saranno concessioni ai terroristi


Non ci saranno concessioni ai terroristi a Idlib, ha detto Lavrov

Intervenendo in una conferenza stampa sugli eventi in Siria, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che le azioni dei terroristi a Idlib non rimarranno senza risposta da parte della Russia e dell'esercito siriano. Non ci saranno concessioni nel risolvere la situazione ai terroristi.

Lavrov ha osservato che "in conformità con il Memorandum di Sochi, è stato raggiunto un accordo sulla necessità di dissociare l'opposizione armata dai terroristi" Dzhebhat al-Nusra "(vietato nella Federazione Russa - ndr), che imita la struttura ad ombrello" Hayat Tahrir Ash-Sham " (vietato nella Federazione Russa - Ed.)". Il ministro ha sottolineato che il ruolo principale in questo è assegnato alla Repubblica turca, come previsto dall'accordo concluso tra la Russia, Vladimir Putin e la Turchia, Tayyip Erdogan.

Secondo Lavrov, a Mosca c'è la certezza che "questo deve essere fatto al più presto, perché il tempo passa, questi terroristi, inoltre, organizzano continue provocazioni". Il ministro degli Esteri ha ricordato che con tali attacchi i militanti hanno sparato contro i sistemi di fuoco a raffica e sparando, usando i droni, non solo le posizioni dell'esercito siriano, ma gli insediamenti. Ci sono tentativi di incursioni sulla base aerea russa «Hmeymim».

Lavrov ha assicurato che tali attacchi, né la Russia né l'esercito siriano non lasceranno senza una risposta schiacciante. Il ministro ha sottolineato che "il memorandum di Sochi non fornisce indulgenze ai terroristi".

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra