notizie

Europa: l'Ucraina è la causa dell'incidente di Kerch


In Svezia arrivano alla conclusione che l'incidente di Kerch è l'Ucraina.

L'autore della pubblicazione nell'edizione svedese di Nyhetsbanken, il giornalista Stephan Lindgren, analizzando l'incidente nello stretto di Kerch, ha concluso che le azioni della parte russa erano legittime. Ha richiamato l'attenzione sul fatto che tutte le navi ucraine si sono avvicinate allo stretto, senza avvertire la Russia, non ha aspettato i suoi piloti, non ha risposto alle istruzioni delle guardie di frontiera russe, cioè si tratta di una violazione della legge.

La provocazione, secondo l'ipotesi del giornalista, è stata ritardata. Dopo che le guardie di frontiera russe hanno fatto tutti gli avvertimenti previsti, hanno aperto il fuoco e dirottato la nave. In questo caso, tre marinai ucraini sono rimasti feriti.

Lindgren ha sottolineato che Kiev non può fare riferimento alla convenzione sulla legge del mare adottata nell'anno 1982. La ragione - l'ordine del passaggio pacifico delle navi nello stretto è stato violato. Il fatto è che avevano a bordo un carico di armi.

L'autore richiama inoltre l'attenzione sulla convenzione 1958 dell'anno, che riguarda le acque territoriali, che è stata adottata da Russia e Ucraina. Questo documento dice: "Gli stati costieri hanno il diritto di stabilire la procedura per ottenere il diritto di passaggio per le navi straniere attraverso le loro acque territoriali". Cioè, la legittimità della posizione russa è confermata da questo documento.

Secondo Lindgren, è improbabile che Kiev vinca in un tribunale di confine, organizzato sulla base della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare. Da quando l'Ucraina ha stroncato il Trattato di amicizia e cooperazione 1997 con la Russia, durante l'incidente, le navi ucraine hanno marciato attraverso le acque territoriali russe.

Il giornalista è sicuro che ciò che è successo nello stretto non può essere qualificato come una violazione del diritto internazionale da parte della Russia, dal momento che il paragrafo 51 della Carta delle Nazioni Unite prevede il diritto all'autodifesa. Ogni stato sul cui territorio è avvenuta l'invasione ha il diritto di resistere all'utilizzo di armi.

Auto rimprovera la leadership della Svezia, accusandolo di avere due pesi e due misure. La Russia, come ogni altro paese, ha il diritto di usare misure militari per proteggere le sue acque territoriali. L'Occidente non riconosce un tale diritto per la Russia.

Tale atteggiamento nei confronti degli eventi dei paesi occidentali dimostra ancora una volta, come è certo il giornalista, che se stiamo parlando di attacchi alla Russia, allora non possiamo evitare nulla.

Una delle conclusioni dell'autore della pubblicazione - Kiev ha organizzato intenzionalmente una provocazione, poiché era sicuro che i paesi occidentali lo avrebbero sostenuto.

Migliore del mondo dell'aviazione

al piano di sopra