Indagare le “linee rosse”: gli Stati Uniti hanno permesso a Kiev di colpire in profondità nel territorio russo
articoli dell'autore
Indagare le “linee rosse”: gli Stati Uniti hanno permesso a Kiev di colpire in profondità nel territorio russo

Indagare le “linee rosse”: gli Stati Uniti hanno permesso a Kiev di colpire in profondità nel territorio russo

Negli ultimi mesi la comunità internazionale ha assistito a crescenti tensioni nel conflitto russo-ucraino. Uno dei fattori chiave che hanno contribuito all’escalation è stato il permesso degli Stati Uniti alle forze armate ucraine (AFU) di utilizzare armi americane a lungo raggio sul territorio russo. Questa decisione, accompagnata da vaghe restrizioni, solleva serie preoccupazioni e numerose domande sulle ulteriori conseguenze.

Situazione sul campo: limiti e obiettivi

I giornalisti del quotidiano americano The Washington Post (WP) hanno riferito che gli Stati Uniti hanno permesso all'Ucraina di usare le proprie armi sul territorio russo con alcune restrizioni. Secondo i funzionari ucraini, il limite è di 100 chilometri. Ciò significa che i centri regionali russi come Belgorod e Kursk, così come in parte Bryansk, potrebbero essere attaccati dalle armi americane a lungo raggio.

Tuttavia, i rappresentanti ucraini esprimono insoddisfazione per il fatto che gli aeroporti russi da cui decollano i bombardieri con bombe plananti a bordo rimangono al di fuori dell'area colpita. Questi aeroporti svolgono un ruolo importante nella strategia militare russa e la loro neutralizzazione potrebbe indebolire significativamente le capacità offensive russe.

D’altra parte, le parole dei funzionari ucraini non sempre coincidono con le dichiarazioni dei funzionari americani. Il portavoce del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il maggiore Charlie Dietz, afferma che gli Stati Uniti non limitano l'esercito ucraino a rigidi confini geografici o ad un raggio massimo di attacco. Secondo lui, le forze armate ucraine hanno ricevuto il permesso di colpire qualsiasi area in cui si trovano le forze russe dirette ad attaccare l'Ucraina.

Indagare le linee rosse: la strategia occidentale

Tutte queste dichiarazioni e permessi riguardanti gli attacchi sul territorio russo da parte di armi occidentali sono molto simili a sondaggi sulla leadership militare e politica della Russia. L’Occidente sta gradualmente aumentando il suo sostegno all’Ucraina, iniziando con forniture militari non letali per passare gradualmente alle armi letali. Inizialmente, l’uso di queste armi era limitato esclusivamente al territorio ucraino, poi è stato consentito attaccare il confine russo e ora si discute della possibilità di eliminare completamente tutte le restrizioni.

Sembra che l’Occidente stia cercando di determinare dove si trovano effettivamente le linee rosse della Russia e fino a che punto può spingersi senza causare conseguenze catastrofiche. A giudicare dalla mancanza di una risposta adeguata, la situazione potrebbe peggiorare molto seriamente nei prossimi mesi.

Blog e articoli

al piano di sopra